1/2/2017

Previsioni 2017

Condividi questo articolo

Sarà un buon 2017 per gli analisti che si occupano di previsioni legate al mercato della casa . E’ questo quanto emerge da un approfondimento fatto in relazione ai report preparati dai maggiori esperti del settore.

 I mutui con tassi d’interesse ai minimi e i prezzi ancora fermi o in lieve discesa come conseguenza della lunga crisi fanno propendere gli uffici studi delle varie società per una potenziale vendita di case superiore alle 550 mila unità.

Sarà Milano la realtà con maggiori prospettive di recupero con alcuni lievi incrementi di prezzo che già stanno salendo del 1%-2% anche se le previsioni sono buone per tutto il territorio nazionale con particolare riferimento alle grandi città mentre i capoluoghi di provincia e l’hinterland dei grandi centri dovranno aspettare il 2018 per la vera ripresa.

Eppure a fronte di queste analisi di settore c’è chi come Mario Breglia, Presidente di Scenari Immobiliari,  al Sole 24 ore ha parlato di “mercatino immobiliare” in cui la tassazione alta e l’aumento della disoccupazione non favoriscono l’investimento immobiliare. Non si riesce a innescare la domanda , manca la spinta emotiva e anche se i prezzi sono bassi mancan0 i grandi investitori che all’estero, per esempio in Germania, comprano anche il residenziale conclude Breglia.

Dando uno sguardo alla seconda casa emerge dagli studi di inizio anno che è un bisogno scomparso rispetto a dieci anni fa. Basti pensare che per i giovani anche l’acquisto della prima casa non è un bisogno pressante vista la mobilità che ormai li contraddistingue e il fatto che la domanda abitativa è principalmente urbana.

Anche il mercato della locazione in previsione migliora perchè i proprietari hanno trovato, accanto alla locazione tradizionale, metodi più sicuri come la locazione per tempi brevi o per studenti.

Come si può notare non tutte le previsioni sono incanalate nello stesso percorso e personalmente ritengo più realistico un quadro che comporti per il 2017 sia un assestamento di prezzi leggeremente al rialzo sia un numero di compravendite a livello nazionale stazionario rispetto al 2016 senza voli pindarici.

Credo che l’incertezza dei mercati e la mancanza di stabilità politica di lungo periodo incideranno sul 2017 della casa. A fine anno tireremo le somme.

Pasquale Salvatore

Potrebbe interessarti anche:

Obiettivo Ripresa

Solitamente all'inizio di un nuovo anno in ogni comparto lavorativo si fissano gli obiettivi e gli scopi da raggiungere per…

Continua a leggere

Case antisismiche

Mettere in sicurezza le case dal rischio sismico è possibile salvando vite umane e evitando danneggiamenti profondi alle strutture. Esistono tecniche…

Continua a leggere