18/2/2016

Uno sguardo sull’alberghiero

Condividi questo articolo

La recente operazione di acquisizione compiuta dal gruppo Marriott nei confronti di prestigiosi brand di lusso come Sheraton e Westin colloca il gruppo americano al primo posto nel mondo nel settore dell’hotellerie con 1,1 milioni di camere, 5.500 hotel in più di cento Paesi.

Questo dato testimonia il sempre maggior interesse del real estate turistico che anche nel 2016 sfonderà numeri da primato come nell’anno precedente rendendo ancor più competitivo ed agguerrito un settore dove la comparsa di business alternativi come Airbnb costituisce una sfida impegnativa.

Il mercato alberghiero europeo ha assorbito nel 2015 ben 22,8 miliardi di investimenti con un + 79% rispetto all’anno scorso. Il settore va via via aumentando il peso nel portafoglio dei grandi investitori che sono americani e si espandono in Europa con particolare attenzione al Regno Unito , Germania e Francia.

Il problema che ora si pone è legato al disequilibrio che si è venuto a creare tra domanda elevata e offerta che scarseggia con conseguente migrazione degli investitori verso le Americhe.

Il settore manterrà questi ritmi folli? Al mercato l’ardua risposta.

Pasquale Salvatore

Potrebbe interessarti anche:

Riparte il mercato

Il mercato immobiliare riparte anche a Milano sebbene senza l'accelerazione auspicata dal dopo Expo e a tassi di crescita ridotti.…

Continua a leggere

Poco estero per i fondi italiani

Dopo le numerose operazioni immobiliari condotte nel 2015 da investitori stranieri in Italia, qualcosa si muove anche nel senso opposto…

Continua a leggere